Estate in fiore

Contenuto

Estate in fiore

Orsù, timido afflato dell'anima mia,
le tenui percezioni,
che, qual sizza di roseo mattino,
ti circuiscono e ammaliano destandoti in serena atmosfera
quando vaghi senza meta
sulla fresca e rilucente battigia
tra lo sciabordio dell'adriatica onda
o fra le pratoline che primavera imboccia
nelle murgiane planche dell'erma gariga,
aspira e avidamente assumi
sì che la gioia della vita ubriachi e rapisca i tuoi sensi
e ti schiuda all'amore
Non esitare tra vacui opportunismi,
che il presente non sfumi in evanescente ricordo:
è già estate! Cogli il fiore
dei colori e profumi della natura amica
e i virenti dionisiaci sentieri imbocca.
Titubante ancor ristai?
Le sensazioni vive,
che, qual irruente zampillo di fonte,
dalle intime fibre debordano in ogni poro
se Afrodite ti sfiora con la sua serica pelle
accogli d'impeto
sì che ogni tua ghiandola sbianchi dal piacere
e si schiuda ad effrenato amore.
Non esitare tra vacui opportunismi,
che il presente non sfumi in evanescente ricordo:
finché dura l'estate cogli il fiore
delle sue lievi baluginanti carezze
e immantinente abbraccia.
Pirus Cydonia (cotogno in fiore)
Smaga ogni residua mora,
e il lucciolio delle emozioni,
che, qual brocchi di roselline muschiate,
profondamente t'inebriano di vellutate soavità,
quando il cuore denuda il suo ardore,
la semplicità profuma le tue parole
e dai limpidi occhi canta silvano idillio,
sommuovino ogni tuo sentire
sì che erompa l'amore più schietto e più puro
e non cada qual effimera meteora estiva.
Non esitare tra vacui opportunismi,
che il presente non sfumi in evanescente ricordo:
l'apollineo fiore della dedizione cogli non solo d'estate
e riscopri l'eterea sublime fiamma del tuo cosciente
sinceramente amando.
da "I pensieri del Folletto" sdt