Primule d'inverno

Contenuto

Primule d'inverno

Allorché opaco è il sorriso della natura
e sui miei colli non lumeggiano i prati
da plastici incarti chiazzati e dai fumi velati
di un’orda reboante di veicoli in moto,
vedo dilagar l'inverno.
Quando cinereo è l'orizzonte dei miei pensieri
dagli imprevisti adombrato ed incupito
a tratti schiarito da lampi di vacua felicità
appena intravista e di un soffio svanita
sento, mi si appressa l'inverno.
Se mi accorgo di non più dimorare nei suoi sogni
e il suo sfuggente sguardo sguiscia le mie attese
nella mia non scalda l'esile sua mano
e muta assume la cena, inquieta e distante,
mi chiedo se non sia giunto, ormai, il mio inverno.
Ma pratelline che nonostante il gelo
s'affaccian ridenti sui sassosi acclivi
tra secchi cardi e gusci di chiocciole vuoti,
primule d'amore aulenti le offro in quel frangente
io, malinconico e mistico gaudente:
carezze, della mia mano industre e sinuosa,
di lieve finezza amorosa
che fugano il gelo imperante
delle mie note intemperanze;
abelia rupestris
un quilisma di baci, intermezzo vibrante,
per ripulir, dolcissimo, dalle sue labbra
i resti dell'amarezza che si porta dentro
per la mia cronica trascuratezza;
e ancora avvincente un abbraccio
adonico e sensuale onde minare
negli anfratti intonsi della sua psiche
ogni grigio dubbio sul mio idillico amore.
Strumento è l'inverno atto a ritemprare
intimità sopite nei meandri della riflessione
pronte qual semi dormienti a risbocciare
nell'inebriante ardore di novella passione.
e il quotidiano ipotesi di vita intreccia
nuovi sentieri per l'amor verace traccia.
da "I pensieri del Folletto" sdt