Sedimenti

Contenuto

Via Beatrice d'Angị, a sera

Sedimenti

Al di là di ogni umano sentire
inquieta anima mia
l’impalpabile che secreto affiora cerca
sedimenti delle ardite primavere avite
sfoglia falda a falda tra i geni
meta l’arce del  pensare e vivere.

Al di là di ogni sviante aderenza
appressati dove i sensi forzano i tuoi passi
dalle invisibili orme impresse in ogni vico
della tua cara Andria e rileva
con l’occhio destro dall’emozioni
gli intenti di mestieri e detti rimestati.

Al di là di ogni vana parola
nelle nenianti nebbie di vecchie conte immergiti
celate tra i veli del disuso e dell’oblio
nelle aure rarefatte del ricordo scemo
ispira dall’arte le sapidità dei tratti e delle forme
e ascolta.
da "I pensieri del Folletto" sdt