Rime odeporiche

Contenuto

Rime odeporiche

Viaggiando

(con la leggerezza del ditirambo)

Vacanze oroseine

Golfo di Orosei: litorale con l'Hotel Marina Beach

Se non sbarchi ad Orosei
e sul lido prendi stanza
cosa sai di una vacanza
di piaceri e niente nei?
Gemma augusta è la Sardegna,
mar cobalto e ciel turchese;
(non ti doglion le tue spese)
di ogni lode Ella è ben degna!
Di tristezze è la mattanza:
cullan l'onde i tuoi pensieri
ed i monti i desideri.
La natura è d'ordinanza.
All'amor ti sprona il tutto:
l'acre odor della gariga,
l'alba spuma alla battigia,
ogni dì nel suo debutto.
Quando è tempo di partire,
oh! Il tuo cuore è si conquiso
che ti sembra di svenire!

Orosei, 20 Luglio 2010
da "I pensieri del Folletto" sdt

A Capo Vaticano

Capo Vaticano: lidi Grotticelle
[Capo Vaticano: lidi "Grotticelle" - foto S. Di Tommaso - 09/2011]

"Grotticelle", un decano
balneare nel Tirreno
sotto Capo Vaticano:
quattro scogli e un oval seno.
Sabbia a grani come riso
per colore e consistenza
tu calpesti ed il sorriso
ti pervade l'esistenza.
La battigia qual cristallo
chiaro invita lì a tuffarsi
e i tramonti di corallo
sensual go a innamorarsi.
Faraglioni dalla vetta
mostran l'unghie a pie' del faro
strizza l'occhio una spiaggetta
e sussurra: - Vieni caro,
non temere di sbucciarti
sugli scogli di granito,
sulle onde coccolarti:
nulla avrai di più gradito!-
Ora incedo su quel manto
di quarzetti bianchi e panna,
scendo in acqua ed è un incanto,
ecco esulto esclamo: -Oh, mamma,
paion glutei le due anse
che s'incurvano nel lido,
mi rammentano le avance
all'amata nel mio nido.-
E m'immergo ad occhi chiusi,
eros colgo ad ogni spuma,
sogno baci ardenti effusi:
dolce amor che mi consuma.

Capo Vaticano, 1 Settembre 2011
da "I pensieri del Folletto" sdt

Lu Postu Vecchiu a Pescoluse

Pancratium Maritimum - Giglio marittimo a Pescoluse
[Pancratium Maritimum - Giglio marittimo a Pescoluse - foto S. Di Tommaso - 07/2015]

Sei un incanto, Pescoluse!
Tra le dune i bianchi gigli [1]
paion stelle su quei cigli,
sì, t’invogliano a sostare.
Afrodite sul tuo lido
s’adagiò col bell’Adone:
con l’amplesso bulbi pone,
ai suoi baci si ergon fiori.
Postu Vecchiu” ingalluzzì
tanto amore rimirando;
tamerìci collocando
volle il luogo preservare.
Tra un acclivio terrazzato
e solare una riviera
Postu Vecchiu mostra altèra
a chi vien la sua beltà.
A goder cotal marina
sull’eburneo litorale,
(ansa breve ma speciale!)
da ogni dove a frotte stanno.
Che goduria è poi tuffarsi
in quell’acqua cristallina!
Sfiziosa è la cucina,
caldo invito qui a ristare.
Nella sera dell’addio
rubri calici al tramonto,
atmosfera fuori conto
che t’aggioga a ritornare.

Pescoluse di Salve, 24 Luglio 2015

da "I pensieri del Folletto" sdt
NOTA

[1] Questo giglio è un fiore profumatissimo, il “Pancratium maritimum”, παν – κρατυς, con radice bulbosa e semi neri, che gli antichi greci e romani consideravano dotati di potenti proprietà medicinali.

panoramica del tratto di spiaggia a "Lu Postu Vecchiu", Pescoluse
[panoramica del tratto di spiaggia a "Lu Postu Vecchiu", Pescoluse - elab. elettr. su foto di S. Di Tommaso - 07/2015]