indici

Contenuto

Il Capitolo Cattedrale Di Andria ed i suoi tempi

dalla origine sino all'anno 1911
Tipografia Francesco Rossignoli, Andria, 1911-1912

di MICHELE Canonico Professore AGRESTI (02/02/1852-1916)

VOLUME  I Copertina e Prefazione
  1. Capo  I (pag. 13)
  2. Capo   II (pag. 37)
    Istituzione della Sede Vescovile di Andria — Se essa fu istituita da Gelasio I, nel V secolo, o da Gelasio II, nel secolo XII — Quel che ne dice il Moroni — Opinione dell’Ughelli, del Baronio, del Cappelletti e di altri autori — La tradizione — Opinione dei Bollandisti, del Coleti, dell’Assemani e di altri autori — Principali obiezioni dei Bollandisti.
  3. Capo   III (pag. 68)
    Esistenza di un Clero e Capitolo in Andria, prima del secolo VII — Qual fu la prima e principale Chiesa eretta in Andria — Se Andria si mantenne nella fede di Cristo (annunziata, come dicesi, da Pietro e dal fratello Andrea), o se ritornò all’idolatria — Venuta di S. Riccardo, primo Vescovo di Andria, e sua vita — Istituzione della Sede Vescovile in Andria — Venuta dei Basiliani in Puglia — Invasione dei Barbari in Italia, e persecuzioni ai Vescovi ed ai religiosi — Opera dei Pontefici contro gl’invasori — Scesa dei Normanni.
  4. Capo   IV (pag. 87)
    (anni 1042-1193) Dominio dei Normanni — Normanni Conti di Andria — Il conte Riccardo — Traslazione dei Preti di Trimoggia in Andria — Goffredo II, conte di Andria, indi Riccardo II, poi vittima di un prete tranese — il Conte Ruggiero e la sua infelice morte, per vile tradimento — I Barbarossa di Casa Hohenstaufer e termine della dominazione Normanna — La nostra città ed il nostro Capitolo debbono ai Normanni il loro lustro e rinomanza — Notizie precise del nostro Capitolo all’epoca dei Normanni — Documenti di quell’epoca e loro autenticità.
  5. Capo   V (pag. 101)
  6. Capo   VI (pag. 123)
    (anni 1268-1357) Carlo I D'Angiò ed i Vespri SicilianiNuove lotte di Carlo con Pietro D’Aragona, e sua morteCarlo II e sua figlia Beatrice, maritata ad Azzo VIII d’Este, ed, in seconde nozze, a Bertrando del BalzoLa Contea d’Andria data, in dote, a BeatriceVenuta in Andria di Beatrice con suo marito Bertrando Del BalzoLa S. Spina ed il capo di Santa Colomba, donati da Beatrice alla nostra Chiesa CattedraleErezione del Trono baronale nella Chiesa Cattedrale di AndriaMorte del Re Carlo II d’Angio, cui succede il figlio Roberto, fratello della Contessa BeatriceMatrimonio di Maria Del Balzo e sua partenza da AndriaMorte di Beatrice d’Angiò, seppellita nella Chiesa Cattedrale di AndriaFra Placido, Vescovo di Andria; indi Giovanni I, Domenico Basiliano ed EgizioLa Collegiata di S. Nicola è chiamata in aiuto della Cattedrale nell’esercizio della cura delle animePreti appartenuti al Capitolo Cattedrale in quel tempoMorte del Re Roberto d’Angiò, cui succede la Regina Giovanna, sua nipote, sposa di Andrea d’UngheriaAssassinio del Re AndreaRe Ludovico d’Ungheria viene nel Reame a vendicare l’assassinio del fratello AndreaAndria saccheggiata dagli UngheriNascondimento del corpo di S. RiccardoFrancesco Del Balzo sposa la principessa Margherita ed ottiene il titolo di DucaMorte di Bertrando e sue opere a vantaggio del Clero e della città di AndriaMons. Giovanni II, indi Fra Andrea, poscia Giovanni III, Vescovi di Andria.
  7. Capo   VII (pag. 137)
    (anni 1357-1448) Morte della Duchessa di Andria, Margherita — Francesco I Del Balzo va in seconde nozze alla Contessa Sveva Orsino — Morte del Re Luigi — Il nostro Duca contro i SanseverinoLa Regina Giovanna contro il nostro Duca Francesco I Del Balzo, cui confisca tutti i feudi, da costui possedutiLa Regina Giovanna va in terze nozze a Iacopo d’Aragona, indi, in quarte nozze, ad Ottone di Brunvwhich Carlo Durazzo e Luigi d’Angiò si contendono il ReameGiacomo Del Balzo sposa Agnese, sorella della Regina, moglie di Carlo III di Durazzo — Morte di Agnese ed indi di Giacomo Del BalzoTriste fine di Carlo III di Durazzo — Gli succede nel regno di Napoli il figlio LadislaoLuigi II d’Angiò contro Ladislao di Durazzo — Morte di Ladislao, cui succede Giovanna II, sua sorella, la quale sposa, in seconde cozze, Giacomo di Borbone — Giacomo di Borbone abbandona il inondo e si fa Francescano — Il Duca Del Balzo, affranto dal dolore per la morte del figlio Giacomo, si ritira a vita privataBeneficenze del Duca Francesco I Del Balzo, a favore della nostra città, del nostro Capitolo e di altri Istituti religiosi di Andria — Testamento e morte di Francesco I Del BalzoVescovi che occuparono la Sede Vescovile in questo torno di tempoMorte della Regina Giovanna II — Caduta degli Angioini ed assunzione al trono di Alfonso d’AragonaAndria e il Duca Francesco II Del Balzo — Invenzione del corpo di S. Riccardo — Istituzione della Fiera.
  8. Capo   VIII (pag. 157)
  9. Capo   IX (pag. 178)
    (anni 1480-1560) Assedio dei Turchi ad Otranto, e strage di quei cittadini: Morte del Sultano Maometto II e liberazione di OtrantoCongiura dei Baroni contro il Re Ferdinando d'Aragona, ed assassinio di Pirro del Balzo, Duca di Andria e Principe d'Altamura. La Duchea di Andria sotto Federico d'Aragona. Morte del Re Ferdinando d'Aragona, cui succede li figlio Alfonso II, il quale abdica in favore di suo figlio Ferdinando II, ed è costretto cedere il Regno a Carlo VIII di Franciamiracolo della Madonna della pietà, avvenuto in Andria ai tempi della dominazione Francese sotto Carlo VIII — ritorno nel Reame di Federico d' Aragona, a sostenere le ragioni di suo nipote Ferdinando II, il quale, dopo pochi mesi muore, succedendogli lo zio Federico; Ludovico XII di Francia e Ferdinando il Cattolico di Spagna si contendono il Reame Disfida di Barletta: il Reame sotto la dominazione spagnuola: la duchea di Andria vien concessa al Gran Capitano Consalvo Ernandes Cordova: Andria colpita dalla peste: voto della città a S. Riccardo ed a S. Sebastiano Vescovi di Andria, e preti appartenenti alla Cattedrale in questo tempo ritorno dei Francesi nel Reame: Odetto di Foix mette a sacco e fuoco Andria la peste del 1528: pace tra Francesi e Spagnuoli nuove lotte fra i medesimi: I Turchi nel Reame di Napoli: Enrico II succede a Francesco I di Francia: l'imperatore Carlo V cede la corona e si ritira a vita privata Concilio di Trento e la Riforma di Martin Lutero: Pace fra Spagna e Francia: — la duchea di Andria passa a Consalvo rappresentato da Giorgio de Salzedo, indi ai Carafa Vescovi di Andria: lotte fra il Capitolo della Cattedrale e la Collegiata di S. Nicola: Preti della Cattedrale in questo tempo.
  10. Capo   X (pag. 198)
    (anni 1560-1605) La Duchea di Andria sotto la reggenza della vedova Duchessa D. Adriana Carafa: ricorso della Università al Vicerè di Napoli contro il Vescovo Gian Francesco Fieschi, perchè non provvedeva ai restauri del Duomo; Rinunzia al Vescovado di Mons. Gian Francesco Fieschi, cui succede il nipote D. Luca Fieschi:istituzione delle monache benedettine e costruzione del monistero e della Chiesa omonima:Fabrizio II ha il dominio della duchea di Andria, sotto la regenza dello zio Vincenzo Carafa: Vincenzo Carafa e la battaglia di Lepanto contro i Turchi:Vincenzo Carafa e la introduzione dei Cappuccini in Andria: Fabrizio II Carafa sposa Maria Carafa e ne assume il governo della Duchea, indipendentemente dallo zio: preti appartenenti al Capitolo in questo torno di tempo: — invenzione dell'immagine della Madonna dei Miracoli, ed introduzione dei Benedettini Cassinesi in Andria: — Mons. Luca Fieschi vien trasferito alla sede vescovile di Albenga: succede nella sede di Andria Mors. Luca Antonio Resta:nuove lotte fra il Capitolo della Cattedrale e quello di S. Nicola: — lotte fra il Capitolo della Cattedrale e l'Università di Andria: il Duca Antonio Carafa e l'Università contro il Vescovo Franco ed il Clero; — il Vescovo Bassi e la invenzione della Madonna d'Altomare: — Mons. Franco e la carestia nel Regno di Napoli: — preti della Cattedrale in questo tempo: Filippo II Re di Napoli: — istituzione di due fiere per l'invenzione della Madonna dei Miracoli e consecrazione della omonima Chiesa.
  11. Capo   XI (pag. 223)
    (anni 1606-1632) Atroci lotte tra il Vescovo Franco e il Duca d'Andria Antonio Carafa: — i ricorsi al Re di Napoli, Filippo III, ed al Papa Paolo V: — trattative di pace fra il Vescovo ed il Duca, incaggiate dall'Arcivescovo di Bari e dal Priore di Capua Vincenzo Carafa, zio del Duca Antonio: — fallite le trattative di pace, il Vescovo Franco chiede alla S. Sede la traslocazione in altra Diocesi: — il P. Reatino della Compagnia di Gesti, ed il P. Fra Domenico della Madre di Dio, carmelitano scalzo, consigliano il Vescovo Franco di non abbandonare la diocesi di Andria: morte del Duca Antonio Carafa, indi del Vescovo Franco: — opere del Vescovo Franco, per rapporto a fatti religiosi della città e del Capitolo della Cattedrale [scoprimento della Immagine di Mater Gratiae]: — [Componenti del Capitolo Cattedrale in questo torno di tempo; storia dell'arcidiacono Vangella]; — Fabrizio III Carafa succede al padre, Antonio, nella duchea di Andria: dopo breve tempo a Fabrizio succede il suo primogenito Antonio, e dì lì a pochi mesi, il secondo genito Carlo, per la morte di Antonio: Mons. Caputo succede al Vescovo Franco, e, nell'anno seguente, al Caputo succede Mans. Strozzi: — divergenze fra Mans. Strozzi, il Capitolo cattedrale ed i Religiosi Domenicani e Francescani di Andria, par riguardo alle processioni: Rescritto dalla S. Cong. del Concilio circa le distribuzioni corali: nuove liti fra il Capitolo della Cattedrale, Collegiate, ordini religiosi e Confraternite della Città, circa l'associazione dei defunti: trasferimento del Vescovo Strozzi alla Sede Vescovile di Saminiato, e causa di tale trasloco.
  12. Capo   XII (pag. 253)
    (anni 1632-1691) Monsignor Franceschini; Nuove contese fra il Capitolo della Cattedrale e la Collegiata di S. Nicola, circa il diritto di assistenza al Vescovo; Decreti della S. Congregazione dei Riti; Altre più accanite liti fra i detti Capitoli, pacificati per opera della Duchessa D. Emilia Carafa, e del Frate cappuccino P. Mattia da Napoli, quaresimalista nella Chiesa di S. Nicola; — introduzione dei frati sotto i titolo Fatebene Fratelli; Morte di Mons. Franceschini, cui succede il Vescovo Ascanio Cassiano; costruzione del Coro e rifazione del Duomo, a spese del Vescovo Cassiano; — rivoluzione napolitana, capitanata dal pisciaiuolo Masaniello; Andria in rivolta; morte del Duca Carlo Carafa, cui succede il figlio dodicenne Fabrizio, IV di tal nome; — la peste del 1656: voto della Università al glorioso martire S. Sebastiano; morte di Mons. Ascanio Cassiano; — componenti il Capitolo della Cattedrale in questo torno di tempo; — la festività della Madonna del Carmelo contrastata fra i cattedralisti ed i Niccolini; — Mons. Egizio Vescovo di Andria: Nuove lotte con casa Carafa; il Vescovo Egizio ed il Capitolo Cattedrale circa l'obbligo di rilevare il Vescovo dal suo palazzo; — ampliamento dell'Oratorio; istituzione dei Carmelitani in Andria: Morte di Mons. Egizio; — Carlo II Carafa succede al padre Fabrizio IV; a Carlo succede il prozio Ettore Carafa; Filippo IV Re di Napoli, cui succede il minorenne Carlo; i Turchi portano scompiglio nel regno di Napoli: Papa Innocenzo XI mette pace fra Spagna e Francia; — Duca d'Andria Fabrizio V: Mons. Vecchia Vescovo di Andria; — insurrezione popolare contro il Duca, per il trono baronale nel Duomo. [componenti il Capitolo della Cattedrale in questo torno di tempo]
  13. Capo   XIII (pag. 276)
    (anni 1692-1743) Monsignor Triveri, Vescovo di Andria: nuove lotte suscitate dal Duca Fabrizio V contro Mons. Triveri: — Mons. Ariano succede al Triveri nella sede vescovile di Andria: opere di Mons. Ariano: — nuove lotte del Duca Fabrizio V Carafa contro il Vescovo Ariano: morte del Duca Fabrizio, cui succede nella Duchea di Andria il figlio Ettore II [lite fra il Capitolo Cattedrale ed i PP. Domenicani di Andria]; — Mons. Adinolfi succede al Vescovo Ariano: — strepitosa lite fra il Capitolo Cattedrale ed i PP. Domenicani di Andria: — Preti componenti il Capitolo della Cattedrale in questo tempo: — Carlo II di Spagna adotta a suo successore Filippo, Duca D'Angiò: morte di Re Carlo, cui succede Filippo V d'Angiò nel governo di Spagna e di Napoli: congiura contro Re Filippo: Napoli sotto il dominio dell'Austria: Carlo VI Imperatore d'Austria e Re di Napoli: Filippo V Borbone di Spagna, coadiuvato da Papa Clemente XII, riesce a riacquistare la Sardegna, Palermo e molte altre città della Sicilia, ma vien contrastato dalla Germania, dal Piemonte, dalla Francia e dall'Inghilterra, collegatesi a suo danno: — Mons. Giovanni Paolo Torti succede al Vescovo Adinolfi: — liti fra il Capitolo dell'Annunziata e il Capitolo di S. Nicola, contro il Capitolo della Cattedrale: — liti fra i PP. Carmelitani ed il Capitolo della Cattedrale: altre liti, suscitate dagli Agostiniani e dai Francescani: altre liti suscitate da varie Confraternite laicali: — Mons. Pietro Paolo Torti succede a Mons. Gian Paolo Torti: Mons. Nobilione traslocato da Avellino alla sede di Andria ed il Vescovo Torti ad Avellino: — Istituzione del Cumulo di S. Riccardo: — feroci liti fra i Domenicani ed il Capitolo Cattedrale: — [1741: l'invasione delle cavallette e l'obelisco a S. Riccardo]: — il Reame di Napoli sotto Re Carlo III di Borbone: Concordato fra Carlo III e Papa Benedetto XIV: — [Appartenenti al Capitolo Cattedrale in quel torno di tempo].
  14. Capo   XIV (pag. 306)
    (anni 1743-1772) Mons. De Anellis e le sue opere a vantaggio del Capitolo Cattedrale: antichi Statuti e Riforme apportate dalla Bolla di Benedetto XIV, colla istituzione della Canonia: esecuzione di detta Bolla e relative feste: le due Collegiate di Andria chiedono ancor esse le insegne canonicali: opposizione del Vescovo De Anellis e del Capitolo Cattedrale: la Collegiata di S. Nicola si rivolge al Re: i Niccolini ottengono finalmente le chieste insegne: la Collegiata dell'Annunziata chiede ed ottiene ancor essa le insegne canonicali: nuove liti fra la Collegiata di S. Nicola e la Cattedrale: morte del Vescovo De Anellis e suo testamento: tumulto nel Capitolo Cattedrale, per la elezione del Vicario Capitolare, alla morte del De Anellis: Mons. Ferrante succede al De Anellis: lotte fra il Capitolo Cattedrale e il Vescovo Ferrante: morte di Mons. Ferrante e sue opere: nuovo tumulto, suscitato dai semplici Sacerdoti Partecipanti, per la elezione del Vicario Capitolare, alla morte del Vescovo Ferrante: istrumento di concordia fra i semplici Partecipanti ed i Canonici: Re Ferdinando IV di Borbone succede a Carlo III nel Regno di Napoli: Duca di Andria Riccardo Carafa: Ferdinando IV ed il suo fido consigliere Tannucci, allontanato, poscia, dalla Corte, per opera della Regina Maria Carolina, che fa sostituire il Marchese della Sambuca.
  15. Capo   XV (pag. 338)
    (anni 1773-1799) Mons. Palica succede al Vescovo Ferrante: frate Germano Agnello causa della rovina morale e finanziaria di Mons. Palica: numerose liti, suscitate contro il Capitolo della Cattedrale sotto in Vescovado di Mons. Palica: l'Arcidiacono Michele Marchio ed i suoi avversarii: il Vescovo in rotta con il Capitolo Cattedrale: morte del Vescovo Palica, e nuove liti, suscitate dalla Confraternita degli Agonizzanti: accuse al Re contro l'Arcidiacono Marchio, e suo trionfo: Re Ferdinando IV e gli avvenimenti di Francia del 1789: il Duca di Andria Riccardo Carafa, e le sue angherie contro gli Andriesi: tutto l'argento delle Chiese viene prestato al Re Ferdinando, per sopperire alle spese della guerra contro la Francia: Re Ferdinando abbandona la Capitale e si rifugge in Sicilia: Andria assediata dai Repubblicani Francesi: il Capitolo Cattedrale spogliato dei suoi tesori, nel saccheggio dei Francesi: il Cardinale Ruffo e il ritorno nel Reame di Re Ferdinando: condanna di Ettore Carafa.
  16. Capo   XVI (pag. 373)
    (anni 1790-1831) Mons. Lombardi succede al Vescovo Palica nella Sede Vescovile di Andria: Istituzione di 14 Mansionati nella Cattedrale di Andria: Provvedimenti del Re Ferdinando IV per rapporto alle Chiese in genere, e per rapporto al Capitolo Cattedrale in ispecie: Re Ferdinando punisce il Capitolo Cattedrale per le abusive promozioni di alcuni canonici, fatte secondo gli antichi statuti, e non in conformità delle nuove disposizioni reggie: Napoleone Buonaparte scende nuovamente in Italia, e vi manda il Generale Murat contro Re Ferdinando di Napoli: Armistizio fra Ferdinando ed il Murat: soppressione degli ordini religiosi, ed aggregazione di alcuni  ex frati alla Cattedrale ed alle Colleggiate di Andria: trasloco della Collegiata dell'Annunziata nella Chiesa di S. Agostino: Caduta di Napoleone Buonaparte, la quale trae seco quella di Gioacchino Murat: Ferdinando IV ritorna Re di Napoli e di Sicilia: Gioacchino Murat, fatto prigioniero, vien poscia fucilato: Riforme e provvedimenti di Re Ferdinando a vantaggio delle Chiese: Concordato fra Re Ferdinando e Papa Pio VII: Canosa, Minervino e Monteleone, vengono aggregate alla Diocesi di Andria: Morte di Mons. Lombardi, cui succede Mons. Bolognese: Progetto di Mons. Bolognese circa l'istituzione dei Vicari Curati, ed opposizione del Capitolo Cattedrale: Morte di Mons. Bolognese ed elezione del Vicario Capitolare: venuta in Andria del Re Ferdinando: Componenti il Capitolo Cattedrale in questo torno di Tempo.
  17. Capo   XVII (pag. 393)
    (anni 1832-1860) Il Vescovo Cosenza e le sue opere a vantaggio del Clero e della Città: i tre Capitoli di Andria ottengono le insegne corali ed extracorali, ed i Canonici della Cattedrale anche le insegne prelatizie: scoprimento delle ossa di S. Riccardo e la nuova urna, fatta dal Cosenza: rinvenimento della S. Spina: istallazione degli Agostiniani calzati nel Monistero di S. Maria dei miracoli: trasloco del Seminario all'ex Convento dei Carmelitani: il Piano del Vescovo Cosenza e l'opposizione del Capitolo Cattedrale: lotte tra il Capitolo e il Vescovo Cosenza, per la promozione al Priorato di S. Riccardo nella persona del Canonico Latilla: rivoluzione del 1848: il Seminario affidato alla direzione dei PP. Gesuiti: il Vescovo Cosenza viene elevato alla Sacra Porpora e promosso ad Arcivescovo di Capua: opere del Vescovo Cosenza a vantaggio del Capitolo Cattedrale: distruzione del trono baronale nel Duomo: nuovi torbidi nel Regno di Napoli nell'anno 1850: viaggio di Re Ferdinando II nelle Puglie, e venuta in Andria nel 1859: morte di Ferdinando, cui succede, il primogenito Francesco II: rivoluzione scoppiata a Palermo nel 1860: il Vescovo Longobardi e la riforma nella promozione ai benefici dei tre Capitoli di Andria: incoronazione della prodigiosa Immagine della Madonna dei miracoli: istituzione delle Parrocchie, ed acerrime liti fra il Capitolo ed il Vescovo Longobardi: il Capitolo di S. Nicola chiede la Collegialità insigne: opposizione del Capitolo Cattedrale: opere del Vescovo Longobardi: il Can. D. Giuseppe Zinni viene eletto Vicario Capitolare, per la quasi sede vacante: censure e sospensioni, inflitte dalla S. Sede all'intruso Vicario Zinni: componenti il Capitolo Cattedrale in questo torno di tempo.
  18. Capo   XVIII (pag. 424)
    (anni 1861-1899) Unità Italiana, proclamata nel 1861, sotto Casa Savoia: leggi di soppressione degli Enti Ecclesiastici: patrimonio del Capitolo Cattedrale di Andria, e della Mensa Vescovile: lotte titaniche, sostenute dal Capitolo, per salvare il suo patrimonio, passato nelle mani del Demanio dello Stato: ritorno in Andria del Vescovo Longobardi, e sua morte: il Vescovo Galdi succede al Vescovo Longobardi: opere del Vescovo Galdi, e sua morte: appartenenti al Capitolo Cattedrale in questo torno di tempo (1861 - 1899).
  19. Capo   XIX (pag. 449)
    ((anni 1899-1911) Elezione del Vicario Capitolare Mons. Porro: Il Capitolo di Canosa vuole sottrarsi alla giurisdizione della Chiesa di Andria: Mons. D. Giuseppe Staiti, dei Marchesi di Brancaleone, viene creato Vescovo di Andria: i Chierici del Clero nullius Ecclesiae chiedono alla S. Sede di essere aggregati al Capitolo Cattedrale, e di essere ammessi alla partecipazione della massa delle Messe: liti fra il Capitolo, i Parroci e l'Arciprete - Parroco circa l'assegno della congrua parrocchiale: altre liti fra il Capitolo Cattedrale ed il Municipio di Andria circa la nomina del Priore di S. Riccardo: transazione fra il Capitolo ed il Demanio dello Stato su di alcune vertenze rimaste in sospeso: componenti il Capitolo Cattedrale in questo torno di tempo.
  20. Tavola Peutingeriana.
VOLUME  II Copertina e Prefazione
  1. Capo  I (pag. 3)
  2. Capo   II (pag. 21)
  3. Capo   III (pag. 41)
  4. Capo   IV (pag. 64)
  5. Capo   V (pag. 77)
  6. Capo   VI (pag. 97)
  7. Capo   VII (pag. 114)
  8. Capo   VIII (pag. 126)
  9. Capo   IX (pag. 135)
    Prodigi avvenuti negli anni 1633, 1644, 1701, 1712, 1785 e 1796 - Perdita e recupero della S. Spina - Prodigio straordinario del 1837 - Il prodigio dei fiorellini nel 1842 - Prodigi del 1853 e 1864
  10. Capo   X (pag. 152)
    Prodigio straordinario del 1910 - Fatti precedenti al miracolo - Verbale constatante lo stato normale della S. Spina, con rogito del 10 Luglio 1909 - Ore di trepidazione e di preghiere - Il Venerdì Santo ed il mancato miracolo - Il Sabato Santo e l'avvenuto miracolo - Verbale constatante l'avvenuto prodigio - Dichiarazioni di cittadini e forestieri, attestanti l'avvenuto miracolo - La solenne Processione di ringraziamento ed i numerosi pellegrinaggi venuti in Andria a venerare la S. Spina - Il prodigio continua per ben 40 giorni - Gli ultimi giorni del miracolo e la festa di ringraziamento - La Cappella Monumentale in onore della S. Spina
  11. Capo   XI (pag. 170)
    Ecclesiastici del Capitolo Cattedrale e del Clero di Andria eletti Vescovi della medesima città e Diocesi - Ecclesiastici del Clero di Andria destinati a Vescovi di altre Diocesi d'Italia - Mons. Fra Pietro; Mons. Fra Matteo; Mons. Antonio Lupicino; Mons. De Anellis; Mons. Felice Regano; Mons. Giuseppe Iannuzzi; Mons. Bernardino M. Frascolla; Mons. Emanuele Merra; Mons. Stefano Porro; Mons. Lorenzo Chieppa; Mons. Giuseppe Leo
  12. Capo   XII (pag. 190)
    Uomini illustri del Capitolo e della città di Andria, che si sono distinti nella carriera diplomatica ecclesiastica, nelle scienze, nelle lettere, nella bontà e santità della loro vita. Mons. Sebastiano Spagnoletti-Zeuli; Mons. Giuseppe Magno; P. Andrea Leonetti; l'Arcidiacono Domenico di Montepeloso; l'Arciprete Antonio Conoscitore; Fra Paolo M. Quarti; Fra Pietro della Croce; P. Fra Giuseppe Accetta; Domenico Nicola Pincerna; P. Fra Tommaso Musci; D. Francesco Saverio Vallera; Cantore D. Riccardo Durso; Penitenziere Mariano Cocco; Arciprete Giacomo Memeo; Arcidiacono Alessandro Parlati; Primicerio Giuseppe Marziani; Cantore Filippo Durso
  13. Capo   XIII (pag. 209)
    Cittadini andriesi illustri nelle armi, nelle scienze, nelle lettere, nella politica, nella beneficenza, ecc.: Francesco II del Balzo; Vincenzo Carafa; Flavio Giugno; Bernardo Tesorieri; Ferdinando Fellecchia; Domenico Gentile; Marchese Flavio Gurgo; Domenico Antonio Rossi; Angelo Massaro; Michele Attimonelli; Michele Troya; Tommaso de Liso; Giuseppe Ceci; Stefano Jannuzzi; Riccardo Ottavio Spagnoletti
  14. Capo   XIV (pag. 221)
    Famiglie illustri di Andria - Famiglie patrizie, già estinte o traslocatesi altrove - Famiglie nobili tuttora esistenti: Famiglia Accetta; Famiglia Marziani; Famiglia Spagnoletti-Zeuli; Famiglia Ceci; Famiglia Iannuzzi
APPENDICE
Nozioni necessarie ed utili a conoscersi da ogni componente il Capitolo Cattedrale (pag. 233)
  1. Capo  I (pag. 235)
    Origine storica del Clero in genere e dei Capitoli Cattedrali e Collegiali in ispecie.
  2. Capo   II (pag. 240)
    Del Capitolo Cattedrale.
  3. Capo   III (pag. 246)
    Delle dignità, personati ed ufficiali delle Cattedrali.
  4. Capo   IV (pag. 254)
    Dei Canonici Prelati; dei Canonici Giubilati; dei Canonici Coadiutori; del Vicario Generale e dei beneficiati minori.
  5. Capo   V (pag. 259)
    Delle Convocazioni Capitolari.
  6. Capo   VI (pag. 264)
    Della prebenda canonicale.
  7. Capo   VII (pag. 268)
    Della recita dell'ufficio Divino.
  8. Capo   VIII (pag. 274)
    Rapporti tra Vescovo e Capitolo Cattedrale sede plena.
  9. Capo   IX (pag. 280)
    Del Capitolo Cattedrale sede vacante.
  10. Capo   X (pag. 293)
    Leggi civili d'Italia e leggi ecclesiastiche in rapporto ai Capitoli delle Cattedrali nel tempo presente.
  11. Capo   XI (pag. 298)
    Leggi eversive emanate dal Parlamento Italiano a danno degli Enti Morali.

Abstract in allestimento!